Categoria: emotional landscapes

ex deposito smistamento poste italiane

pt

ex deposito smistamento poste italiane, Via Tirone 5 Milano periferia est

La miniera di Ponza

IMG_1292

Nel 1937 iniziò l’estrazione della bentonite a Ponza ad opera della S.A.M.I.P. (Società Mineraria Isole Pontine), i giacimenti furono attivi per circa 40 anni, portando occupazione, ricchezza, lavoro, ma la miniera sfigurò l’isola, creando cave a cielo aperto, ed infine alcune case furono oggetto di espropri forzosi ad opera della prefettura di Latina. Sebbene il Prof. Ernesto Prudente abbia in numerosi suoi scritti raccontato bene questo lato oscuro della presenza della S.A.M.I.P e delle conseguenze per l’isola di Ponza, io ho deciso di intervistare una donna che non solo era presente all’epoca dei fatti, ma che ebbe persino una sorella che fu costretta a lasciare l’isola perchè la sua casa fu oggetto di un esproprio.

Al contrario di quello che immaginavo, ne emerge un racconto fatto di rammarico e dispiacere per la chiusura della miniera.

Un grazie di cuore alla Sig.ra Ninetta!

La grande bellezza

Screen Shot 2013-05-28 at 12.55.06 PM

Jep Gambardella fa il giornalista ed ha scritto un solo romanzo che alcuni decenni prima ebbe un certo successo.
Dopo quel romanzo il nulla, o meglio feste, divertimento sfrenato e tanta bellezza.
L’esistenza oscilla tra bellezza estrema e miseria estrema senza soluzione di continuità.
I presupposti ci sono tutti, un Tony Servillo semplicemente geniale, corrosivo, nichilista come può essere solo colui che ha percorso la vita nella sua interezza, divorandola.

Eppure la bellezza non basta.
Jep è tormentato dai ricordi, dalle donne che ha amato e che sono oramai lontane. La purezza del primo incontro con una donna. La monotonia di una esistenza sempre uguale che paradossalmente è spesa nel tentativo di combattera la monotonia diventando però essa stessa terribilmente monotona e vacua.

Jep è corroso dalle sue scelte passate, è consapevole, ma non accetta fino in fondo. Oscilla.
L’idea della morte sembra essere il limite con cui si rende conto di dover fare i conti, come risvegliandosi da un lungo sonno.

Esattamente come Antonius Block dinanzi alla morte si pone domande sul senso della propria vita, per un attimo sembra quasi avere la stessa sete di trascendenza, ma si rende conto che quella via non è adatta a lui. E’ l’aldiqua’ la sua dimensione al di fuori di qualsiasi sovraterrena speranza.

La bellezza però ripeto non basta.

Non sono degne di nota le visioni oniriche di facile matrice felliniana, ma è invece leggibile un certo parallelismo con il Bruno Cortona di Risi, la differenza sostanziale però sta nel fatto che Cortona è molto meno consapevole e non è capace di una via di mezzo.
Jep invece sfiora le questioni, ma non le afferra nella loro interezza, insomma a tratti sembra quasi pentito dell’esistenza che ha condotto.

Peccato perchè il film poteva essere, se solo fosse stato meno pretenzioso e meno desideroso di toccare gli universali dell’animo umano, molto più incisivo e sostanzioso.

Questa volta la fotografia di Bigazzi finisce per essere sovrastruttura eccessiva, quasi barocca.

Taccio di un Carlo Verdone che è solo uno sbiadito Leopoldo Trieste di vitelloniana memoria.

Sicilia IV

285 km ripensando al fallimento della riforma agraria durante il fascismo


Visualizzazione ingrandita della mappa

Borgo Salvatore Giuliano
Nei dintorni di Cesarò ci imbattiamo per caso nel Borgo Salvatore Giuliano, non il famoso bandito ma un caduto decorato di medaglia d’oro al valore militare, ucciso nel 1938 dai ribelli abissini a Zeriba in Africa Orientale.
Nel 1940 viene creato l’Ente Colonizzazione Latifondo Siciliano, un’istituzione che nasce dall’esigenza di risolvere la questione agraria con il compito di assistere, tecnicamente e finanziariamente, i proprietari nell’opera di trasformazione del sistema agricolo produttivo e di procedere direttamente alla colonizzazione delle terre delle quali l’ente acquisisse o la proprietà o il temporaneo possesso.

Sono stati costruiti in tutto 8 borghi, uno per ciascuna provincia siciliana, il progetto è ambizioso, creare un distretto agricolo autarchico con scuola, chiesa e piccoli negozi capaci di soddisfare le esigenze dei coloni.
Inoltre vi fu la realizzazione di un podere dimostrativo, mediante il quale si voleva offrire ai coloni bonificatori le indispensabili direttive tecniche e visibili esempi agronomici, per la sistemazione dei campi, la intensificazione delle colture, l’uso dei fertilizzanti, l’allevamento del bestiame da lavoro e da cortile, e il rifacimento graduale e tempestivo delle piantagioni arboree.
Insomma con la costruzione del Borgo Giuliano si tentò di riformare il latifondo siculo, con una buona dose di utopia progressiva.

borgo_2

borgo_3

borghetto_1

Sicilia III

287 Km cingendo il vulcano


Visualizzazione ingrandita della mappa

Noto

noto

Eolie sullo sfondo

eolie

Sicilia II

301 Km alla ricerca del barocco


Visualizzazione ingrandita della mappa

A cena da Lina Campisi accanto alla tonnara di Marzamemi, meravigliose le piastrelle maiolicate di Santo Stefano di Camastra che cingono la sua bellissima cucina.

campisi_3

Lina cucina dei merluzzi alla brace, con una spennellata di salmoriglio al finocchietto selvatico.
Io amo Lina!

campisi_2

Sicilia I

361 km immerso nella campagna sicula.


Visualizzazione ingrandita della mappa

Qui dove tutto ebbe inizio

valle_templi

Profumo di liquirizia tra le dune di San Leone.
san_leone

Tonnara Marzamemi

marzamemi

Sicilia Sud Orientale

sicilia

Vestaglia da camera e via, si parte.