passato, storia

Castelseprio uno spaccato di storia tardoantica

A 40 km da Mediolanum si trovano i resti di quello che fu il Castrum Sibrium ovvero una fortificazione costruita per difendere la direttrice Como- Novara dalle incursioni barbariche presumibilmente durante il V sec. d. C.
Perchè suscita tanto interesse quello che si configura in effetti come un modesto avamposto delle truppe liminari dell’Italia tardo-antica?

Le ragioni sono molteplici, da un lato quest’insediamento si configura come un perfetto esempio di Clausurae Augustanae ovvero un insieme di fortificazioni aventi lo scopo di proteggere l’italia settentrionale dalle scorribande dei barbari con tanto di presidi fortificati e turres speculatoriae.

Dall’ altro c’è l’interessantissimo riutilizzo delle strutture pagane in una chiave cristiana, la basilica di San Giovanni Evangelista ad esempio riutilizza una torre difensiva trasformandola in un vero e proprio campanile già a partire dal VI d. C. sec.
A tutto questo si aggiunge il fatto che come si presume la fonte battesimale ottagonale sia opera dei Goti, spesso dediti al culto di Ario, la faccenda si fa ancora più interessante in quanto nuovamente si getta luce su un periodo storico intricato fatto di lotte interne della chiesa e prime eresie.

Una piccola curiosità mi ha particolarmente colpito infine, durante lo scavo di un pozzo presso la basilica di San Giovanni, è emersa una piccola testa di terracotta con un berretto di fattura orientale (frigio?) allora immediatamente ho immaginato che la testina fosse stata lanciata nel pozzo dopo l’uccisione dell’imperatore Giuliano l’Apostata (363 d.C) ultimo tentativo di tornare al paganesimo in un secolo in cui si consolida in maniera definitiva, come unica religione ufficiale, il cristianesimo come sancito nel 380 d. C. dall’editto di Tessalonica ad opera di Teodosio.

Standard
compagni di classe, passato

il medico

Lo ricordo chiaramente quel ragazzo timido, sempre molto compito che osò leggere I Buddenbrook in seconda liceo. Nella sua cameretta di adolescente dal parquet chiaro, aveva un telescopio bianco puntato verso le stelle. Non ebbi mai il coraggio di chiedere esattamente cosa guardasse con quello strumento. Era magrolino, silenzioso, molto studioso ma non saprei se lo fosse più per soddisfare le aspettative di sua madre o per una sua autentica curiosità verso la vita ed il mondo.

Rideva poco, sempre ben vestito, anche se in maniera un pò conformista, scontata. Il suo unico atto di ribellione fu farsi regalare dai genitori una moto a 16 anni, si trattava di un custom e onestamente con la sua aria da primo della classe non fu particolarmente azzeccata a mio avviso la scelta di una moto cosi fuori dalle righe.

Non lo ricordo mai particolarmente partecipe della vita di classe, sempre seduto al primo banco, era un ragazzo intelligente ma abbastanza appiattito sulle convenzioni comuni.
Da grande seppi divenne medico esattamente come il padre, lasciò la sua città di origine come feci io e si trasferì per una strana emigrazione al contrario al sud invece che al nord.
Mi dicono abbia preso moglie, è un uomo felice adesso?
Questo mi sono chiesto diverse volte ripensando alla cerchia di persone che mi circondavano e che la vita
ha posto ad una immensa distanza da me.

Standard
ah ah ah, cucina

Norbert Niederkofler

Mi sono imbattuto per caso in una serie di spot della Miele il cui protagonista è lo chef Norbert Niederkofler
La serie di spot tocca diversi temi, la tutela della tradizione, l’importanza della materia prima, il recupero di sapori antichi, ma che la necessità di lasciare la propria terra per poi ritornarvi per poterne apprezzarne a pieno le caratteristiche.
Un esule che parte per la terra straniera, lascia la propria valle, le case di legno, la sicurezza che infonde il muoversi nei luoghi familiari per la curiosità di sapere cosa vi sia dietro quella catena montuosa e quel filare di abeti.

Norbert quando parla del filetto di cervo ci ricorda che per cucinare la carne bisogna conoscere le abitudini degli animali, saper interpretare la stagionalità ed i luoghi in cui si muove.

Quando poi ci racconta del Salmerino chiacchiera amabilmente con un pescatore, caro Norbert ma io mi aspettavo che almeno fossi tu ad andare a pescare al lago il nobile salmerino….

Standard
filosofia

extemporaneus

Estemporaneo, letteralmente dal latino ex-tempore ovvero all’improvviso, senza preparazione, senza premeditazione.
L’idea di raccogliere degli spunti di riflessione individuali, senza una preparazione non vuol dire sconfinare in ambiti del sapere di cui non si conosce nulla, bensì proporre degli spunti intuitivi, a-processuali su cui non si ritorna meccanicamente ma che proprio in quanto intuizioni mantengano una viva freshezza.
Sull’assenza di premeditazione aggiungerei semplicemente che proprio in quanto ragionamenti non-mediati, sputati fuori hanno una potenziale carica rischiaratrice esattamente come un fulmine fende il buio della cupa notte lasciandoci per qualche istante intravedere chiaramente il mondo.

Una sfida che ci porti ad intendere l’estemporaneo non semplicemente come l’opposto di pensato, studiato o preparato, ma come un immediato, che prediliga il non-processuale, l’intuito con tutta la sua viva ed acerba carica conoscitiva.

Standard
film

Youth

youthgiovinezzamichaelcaine

Finisce sempre così. Con la morte. Prima, però, c’è stata la vita, nascosta sotto il bla bla bla bla bla. È tutto sedimentato sotto il chiacchiericcio e il rumore. Il silenzio e il sentimento. L’emozione e la paura. Gli sparuti incostanti sprazzi di bellezza. E poi lo squallore disgraziato e l’uomo miserabile. Tutto sepolto dalla coperta dell’imbarazzo dello stare al mondo.

Questo è un passaggio estratto dalla Grande Bellezza, e sintetizza in maniera impeccabile il senso di Youth con un solo passaggio ulteriore, in Youth i sentimenti si fanno più espliciti, escono allo scoperto.

In Youth la vera protagonista non è la giovinezza come suggerisce il titolo, ma la morte.
Momento in cui si finisce per dover fare i conti con ciò che si è stati, finiti i clamori e gli entusiasmi giovanili, il corpo inizia a vacillare a cedere ed allora solo allora si inizia a sentire veramente la vita. Inizia il percorso di preparazione alla fine più o meno consapevole.
Ma è anche il momento in cui si esacerbano i propri difetti accentuandosi in maniera sproporzionata.

Il film è frammentario, anti-narrativo, esattamente come un opera pre-socratica, anti-sistematica e volto a gettare la luce con sprazzi illuminanti.

“Il fulmine governa tutte le cose” dice Eraclito, i bagliori del lampo fendono l’oscurità e consentono di vedere per un istante come stanno veramente le cose.

Sorrentino scaglia una serie di lampi mostrandoci pieghe dell’animo umano più o meno celate.
Suggestioni suggellate da una fotografia di Bigazzi che come sempre è maniacale ma meno barocca del solito.
Una cosa però mi ha sorpreso molto, al di là della contrapposizione apatia (Micheal Caine) desiderio assoluto di emozioni (Harvey Keitel) giocano sullo sfondo (mica poi tanto sfondo) i sentimenti espressi e spiattellati come l’astio di Rachel Weisz nei confronti del padre, Hitler zoppo e con la tosse stizzosa, una maschera della sconfitta, il riferimento a Novalis.

Frammenti, buoni come intuizioni per chi ricerca il senso delle cose.

Standard
art, fotografia

Pagina Facebook Toto Cutugno

Screen-Shot-2015-03-08-at-11.54.04-PM

Sulla stampa nazionale si è creato un piccolo caso relativo all’esistenza di una pagina Facebook dedicata a Toto Cutugno che posta tutti i giorni la stessa foto del noto cantante.
Ne ha parlato il Corriere della Sera ed anche l’Huffington Post. Al di là delle spiegazioni relative ad esperimenti, fornite dalla stampa c’è un interessantissimo elemento che fa da sfondo alla vicenda.
La ripetizione quotidiana della medesima foto è di per se stessa elemento rassicurante che garantisce lo stato di buona salute del cantante, e cristallizza l’istante riproponendolo all’infinito.
Il tempo è azzerato, immobile, superato. Vinto dalla riproposizione dello stesso scatto fotografico.
Facebook esperienza diacronica per eccellenza finisce mediante l’utilizzo di questo espediente per distruggere la diacronia e proporre un istante identico, ripetizione che scardina irrimediabilmente il flusso temporale garantendo la rassicurante immobilità di Cotugno.

Standard
art, filosofia

I do not need a guide

Da qualche tempo mi sono imbattuto in un blog che sembra riscuotore un certo successo nell’ambito della ricerca artistica http://ineedaguide.blogspot.it, la sorpresa sta nel fatto che esista la necessità di una guida, una indicazione di gusto, nel mare magnum dell’arte.
Il logo stesso del blog, indica una direzione, ma la cosa che più mi infastidisce è il tentativo di credere veramente da parte degli autori di stare esprimendo una guida volta ad orientare il pubblico dell’arte contemporanea.
Il fatto di proporsi come guida, già di suo indica la presenza di uno spaesamento, di un perdersi, di un aver perso la bussola. Allora la domanda diviene sempre più urgente: come mai tutto questo spaesamenteo? Perchè sentirsi necessitati dall’ avere bisogno di una guida?
Siamo cosi incapaci di cogliere il gesto artistico da aver bisogno di qualcuno che ci indichi la strada della comprensione dell’arte?
La questione si fa complessa e molto spinosa.
Fino a qualche tempo fa, per avere un orientamento, si provava a far riferimento ai mostri sacri della Storia dell’arte. Eppure anche in quella maniera, si accedeva ad un sapere codificato attraverso l’analisi storica. Siamo proprio sicuri fosse anche questa la strada corretta?
Cosa ci rimane veramente una volta adottato questo metodo storiografico?

Io credo ci venga restituita una griglia di riferimenti, certamente utili ma spesso solo approssimativi, un insieme di indicazioni che hanno il potere di far emergere questo o quell’avvenimento, non tanto in virtù dell’intrinseca bontà del singolo artista, ma dell’interesse che lo storico mostra per il singolo artista.

Vengono semplicemente in questo modo tralasciati i cosiddetti artisti minori, che finiscono per perdersi irrimediabilmente tra le onde del mare limaccioso della storia scritta da alcuni uomini.

Standard
filosofia

Eugenio Borgna il tempo e la vita

eugenio_borgna

Ammetto una certa trepidante attesa per questo saggio di Borgna, psichiatra finissimo e mente eccelsa, uno dei pochi che ha abbracciato insieme al compianto Bruno Callieri, la psichiatria fenomenologica in Italia.
Il saggio intende indagare il tempo, nella sua dimensione enigmatica, costitutiva, strutturale dell’esistenza, passando in rassegna il concetto di tempo da Agostino di Ippona a Sergio Corazzini, in una maniera trasversale e poetica.
Io però credo che Borgna tocchi il problema a volte in maniera un pò didascalica, ma non vada fino in fondo. Provo a spiegarmi meglio: oltre la distinzione tempo della vita, tempo dell’orologio, tempo oggettivo, tempo soggettivo, finisce per raccogliere contributi interessantissimi per una buona bibliografia sul tema ma non raggiunge il fondamento ultimo.
Un saggio che finisce per configurarsi come compilativo, con un interessante prospettiva di fede laica, con dei vivi sussulti poetici ma a mio avviso ripeto sfiora, tocca, lambisce, ma non individua.
Qualche esempio? Borgna in 205 pagine cita Heidegger in una sola occasione rifacendosi ai Concetti fondamentali della metafisica, neanche una parola su Essere e Tempo, manca un riferimento vero ad Husserl, non tocca minimamente Paci ma la cosa più difficile da capire per me è il non aver nemmeno sfirorato la II inattuale di Nietzsche.

La parte più proficua dal mio punto di vista riguarda il tempo e la psicopatologia, avendo personalmente considerato sempre l’anima che si ammala soprattutto in relazione alla propria temporalità più che alla propria corporeità (schizofrenie varie). Oltre il bellissimo e famoso lavoro di Minkowski sull’argomento, seguono elementi descrittivi, in cui personalmente non trovo le domande che mi sono sempre riproposto di indagare.
Da Borgna mi aspettavo un lavoro più rigoroso, incisivo.
Peccato Professore.

Standard
ah ah ah, art

Tappeti interrotti

tappeti_interrotti

Il tappeto di casa che ci piaccia o meno segna una via, è l’abitudine del camminare per casa, è la direzione che segna la nostra esperienza nella vita domestica.
La limitatezza intrinseca del tappeto genera una sicurezza che non siamo disposti ad abbandonare, l’opera mostra come il percorso possa interrompersi, riflettendo da un lato sulla limitatezza del procedere esclusivamente sul tappeto, dall’altro ne mostra la forza come a dire dal tappeto riesco a scorgere il mondo mediante una prospettiva inedita.

Standard